mercoledì 28 settembre 2011

L'ipocrisia della Chiesa


La Chiesa predica bene, ma razzola male !!!

Ecco i due punti contestabili:

1. I Vescovi lanciano l’anatema contro chi non paga le tasse, ma i patrimoni della chiesa vivono di agevolazioni ed esenzioni.

Facciamo così, è giusto che il luogo di culto non paghi le tasse, ma facciamo pagare tutte le case costruite vicino, dove vivono i preti. Oppure facciamo pagare le tasse sui soldi raccolti durante la messa.

2. Il cardinale Bagnasco consiglia di correggere le abitudini e gli stili di vita, per uscire dalla cultura del nulla, un chiaro riferimento alla situazione porcellesca del nostro caro presidente del consiglio.

Ultimamente il Vaticano è stato denunciato presso il Tribunale Penale Internazionale dell’Aia di investigare contro papa Benedetto XVI e altri tre esponenti della gerarchia della Chiesa. L'accusa è di avere coperto gli abusi sessuali commessi da membri della Chiesa ai danni di minori.

Conclusione: L'ipocrisia è la qualità della persona che volontariamente pretende di possedere credenze, opinioni, virtù, ideali, sentimenti, emozioni che in pratica non ha. Essa si manifesta quando la persona tenta di ingannare con tali affermazioni altre persone, ed è quindi una sorta di bugia.
È importante distinguere l'ipocrisia dalla semplice incapacità di una persona di acquisire o praticare le virtù da essa reputate utili, anche se la stessa, pur ritenendosi incapace di raggiungere tali obiettivi, può suggerire la via giusta agli altri.


Per me c’è del marcio nel Vaticano, per me c’è dell’Italia nel marcio….
Per me c’è del marcio in Italia, per me c’è del Vaticano nel marcio…









Nessun commento:

Posta un commento