mercoledì 13 gennaio 2021

FISICA QUANTICA "in parole semplici"

Fonte: https://www.scienzaeconoscenza.it/blog/scienza_e_fisica_quantistica/coscienza-anima-e-fisica-quantistica

Ma noi siamo fatti solo di materia? O siamo molto di più di ciò che cogliamo attraverso il nostro sguardo? Esiste l’anima, quell’anelito vitale che ci muove dall’interno, indipendente dal cervello o dal resto del corpo che può sopravvivere alla morte fisica? Fino a qualche decennio fa, questi interrogativi erano leciti solo nell’ambito di una riflessione teologica. Oggi, invece, entrano a pieno diritto nelle domande fondamentali della fisica quantistica che ha iniziato a interessarsi e ad approfondire pionieristicamente questioni come la coscienza umana, limmortalità dell’anima e la vita dopo la morte.

Coscienza, anima e fisica quantistica

Da qui si dischiude uno scenario nuovo e insolito che mette in luce grandi verità sulla nostra natura multidimensionale. Nell’essenza del nostro corpo fisico siamo costituiti da quanti. Il quanto è pura energia e quindi l’uomo è pura energia. Il suo corpo fisico rappresenta la vibrazione più densa dell’energia. È un involucro che protegge l’essenza dell’energia, ciò che Platone definì Anima, la nostra componente immortale, ma che la scienza è solita indagare con il termine di Coscienza (…)

Stando a ciò, i fisici teorici che da sempre hanno cercato di comprendere e di afferrare la sostanza della realtà fisica, hanno notato che quanto più si spingevano nello studio profondo dell’universo tanto più questo appariva astratto, pura potenzialità, pura coscienza consapevole di sé che s’innalza in onde di vibrazione per dar vita alle particelle, alle persone, alle cose osservabili e a tutto ciò che ci circonda.

Ciò significa che tutto ciò che esiste in natura fa parte della stessa fonte dell’esistenza, di quel campo di informazione integrale che intesse le trame della vita.

Fonte: https://www.scienzaeconoscenza.it/blog/medicina-non_convenzionale/fisica-quantistica-spiegata-in-modo-semplice

La fisica quantistica è la teoria fisica che descrive il comportamento della materia, della radiazione e di tutte le loro interazioni viste sia come fenomeni ondulatori sia come fenomeni particellari (dualismo onda-particella), a differenza della fisica classica o newtoniana, basata sulle teorie di Isaac Newton, che vede per esempio la luce solo come onda e l’elettrone solo come particella.

Il dualismo onda–particella

Il dualismo onda–particella è la principale causa della messa in discussione di tutte le teorie della fisica classica sviluppate fino al XIX secolo. Questa teoria si può applicare anche alla luce, infatti Young per dimostrare che la luce si propagava per onde propose un esperimento: un fascio di raggi luminosi colpiva uno schermo in cui erano presenti due fori, o fenditure, molto piccoli, che diventavano due sorgenti omogenee. A questo punto mise uno schermo che raccoglieva la luce proveniente dai due fori e vide nettamente delle frange chiare e scure, molto simili alle onde del mare provenienti da due sorgenti diverse.

Questo fenomeno non si può spiegare con la teoria corpuscolare, ma con la teoria ondulatoria. Due onde della stessa ampiezza possono essere in fase e, se interferiscono, originano un'onda sinusoidale che è somma delle sue sinusoidi componenti; possono però essere in controfase e, se interferiscono, originano un'onda nulla. Questo esperimento è molto importante perché verrà ripreso in seguito da Richard Feynman.

lunedì 11 gennaio 2021

Great Reset video censurato di Mauro Biglino


Ripropongo qui il video di Mauro Biglino sul Great Reset. Per chi ancora non avesse compreso quanto sta accadendo e la direzione antidemocratica verso cui ci stiamo dirigendo, questo video è stato appena censurato da YouTube. Censura che si rende necessaria per l'avvento di qualsiasi regime totalitario.   
 
Per quale ragione la piattaforma citata ha ritenuto necessario censurare un simile video?



mercoledì 6 gennaio 2021

I REGISTRI AKASHICI


fonte : https://www.cristinavignato.com/i-registri-akashici

C’era una volta l’Akasha…la storia potrebbe iniziare così, se non fosse che l’Akasha c’era, c’è ancora e sempre ci sarà.

Ma cos’è l’Akasha? Secondo l’induismo l’Akasha, in sanscrito, è la “sostanza”, l’essenza di cui sono fatte tutte le cose, che pervade e contiene l’universo.

Ogni evento, ogni pensiero, ogni emozione viene “registrata” nell’Akasha.

Si narra che ci siano poi dei veri e propri registri akashici su cui è impresso ogni avvenimento di ogni anima di ogni essere senziente che si è incarnato su questo Pianeta. Su questo Archivio sono registrati tutte le situazioni, pensieri, emozioni, parole, intenzioni e azioni di un essere dalla sua separazione dalla Fonte fino al suo ritorno al punto di origine.

Questo registro quindi ci connette gli uni agli altri ed è la piu’ grande fonte di conoscenza a cui possiamo attingere, a questo si riferisce la Bibbia quando parla del “Libro della Vita”.

Al contrario di un semplice magazzino di memoria, quest’ Archivio akashico è interattivo, esercita una grandissima influenza nella nostra vita quotidiana. Ispira i sogni, provoca l’attrazione o la repulsione tra gli esseri umani, modella e forgia i livelli della consapevolezza umana.

Grandi sensitivi e veggenti, tra i quali Edgar Cayce (1877-1945) Madame Blavatsky (1831-1891) Alice Bailey (1880-1949) e Rudolf Steiner (1861-1925) per citarne solo alcuni, hanno saputo accedere alle memorie dell’anima dell’essere umano e alla memoria dell’Anima Planetaria trascrivendo le informazioni nei loro scritti.

Cayce per oltre 40 anni della sua vita ha avuto accesso alle informazioni contenute in quelle che lui chiamò “cronache akashiche” o “libro della memoria di Dio”.

Rudolf Steiner filosofo, pedagogista e fondatore della Società Antroposofica, possedeva la capacità di ricevere informazioni da oltre il mondo materiale, da un “mondo spirituale” e riteneva che la capacità di percepirlo poteva essere sviluppata.

Madame Blavatsky diceva: “L’ Akasha, Luce Astrale, può definirsi come l’Anima Universale, la Matrice dell’universo, il Mysterium Magnum dal quale tutto quanto esiste è nato per separazione o differenziazione”

Tutti i viaggi di reincarnazione dell’anima restano registrati in questi archivi, ma per una questione di autoconservazione l’essere cancella la sua memoria per non autodistruggersi conservando il ricordo di errori o traumi precedenti.

Avere accesso ai registri significa poter ottenere indicazioni per dirigersi verso l’obiettivo che l’essere ha stabilito di raggiungere prima di incarnarsi.

Ottenere una lettura dei propri registri Akashici equivale a consultare una cartina prima di intraprendere un viaggio: probabilmente la meta verrebbe raggiunta comunque, ma consultando la mappa si evitano deviazioni inutili.

In quest’esperienza a differenza di quanto avviene in una regressione, non c’è bisogno di rivivere le diverse morti per imparare il significato di una vita. Esso può esserci svelato dai Maestri Custodi dei registri Akashici, che sanno tutto di noi e conservano amorevolmente tutta l’informazione che ci riguarda nelle varie incarnazioni.

I Maestri ci svelano solo il tipo e la quantità d’informazione che la nostra anima è in grado di contenere al momento della lettura. Per non interferire nella nostra vita e nell’attuazione del nostro libero arbitrio, l’informazione ricevuta sarà sempre compatibile al momento evolutivo in cui ci troviamo.

 

lunedì 4 gennaio 2021

Osho Rajneesh

 

«L'amore è l'unica religione. Tutto il resto è solo spazzatura.»

(Osho, This Very Body the Buddha, 1977)

fonte : https://it.wikipedia.org/wiki/Osho_Rajneesh

Osho Rajneesh, o semplicemente Osho (Kuchwada, 11 dicembre 1931 – Pune, 19 gennaio 1990), è stato un mistico e maestro spirituale indiano, che acquisì seguito internazionale.

Nato Chandra Mohan Jain (hindi devanagari: चन्द्र मोहन जैन), fu noto come Acharya Rajneesh negli anni Sessanta e poi come Bhagwan Shree Rajneesh negli anni Settanta e Ottanta, finché il 7 gennaio 1989 annunciò pubblicamente la volontà di adottare il nome di Osho Rajneesh, che poi ridusse a Osho, in quanto per troppe persone l'epiteto Bhagwan conservava il significato di Dio (dalla pronuncia ˌəʊʃɪˈænɪk della parola inglese oceanic).

Osho fino al 1966 fu un professore di filosofia, ma abbandonò la carriera accademica per girare il mondo come maestro spirituale. Le sue posizioni anticonformiste suscitarono scalpore e reazioni controverse. Affermò di aver vissuto, ventunenne, l'esperienza mistica dell'illuminazione. Iniziò a viaggiare per l'India, a tenere discorsi e a condurre campi di meditazione. Negli anni Settanta creò un ashram, a Pune, che arrivò a ricevere trentamila visitatori l'anno.

Nel 1981 si trasferì in Oregon dove fondò una comune che finì per collassare a causa di attività illegali commesse dai suoi esponenti di spicco, denunciate pubblicamente dallo stesso Osho. Nel 1986, duramente osteggiato dal governo statunitense, tornò in India dove le sue condizioni di salute subirono un drastico peggioramento, da lui attribuito a un avvelenamento subito nelle carceri americane. Morì a Pune a cinquantotto anni.

I suoi insegnamenti sincretici sono volti al risveglio spirituale dell'individuo ed enfatizzano l'importanza della libertà, dell'amore, della meditazione, dell'umorismo e di una gioiosa celebrazione dell'esistenza, valori che egli riteneva soppressi dai sistemi di pensiero imposti dalla società e dalle fedi religiose.

Osho invitò l'uomo a vivere in armonia e in totale pienezza tutte le dimensioni della vita, sia quelle interiori che quelle esteriori, poiché ogni cosa è sacra ed espressione del divino.

Fautore di una ribellione fondata sul senso critico e sul rifiuto di accettare qualsiasi norma di vita o valore sociale solo perché comunemente condivisi, manifestò una forte avversione per le religioni organizzate e il mondo politico. Guru iconoclasta, considerava le tradizioni religiose più influenti come false credenze che reprimono l'uomo e ne ostacolano la ricerca del Vero; vi furono comunque dei rapporti di stima con alcuni leader spirituali.

Le sue idee ebbero un notevole impatto sul pensiero New Age occidentale – da cui tuttavia egli prese le distanze – e sulla controcultura ereditata dagli anni Sessanta. La sua popolarità ha continuato ad aumentare dopo la sua morte.

 

venerdì 1 gennaio 2021

Lunazioni 2021

 
 

Le Lunazioni di Giuliano Kremmerz: l’astronomanzia e la medicina iniziatica di origine egizio-caldea. 

Il sottoscritto, avendo potuto leggere e consultare i libri non ancora profanati di Izar, commentati dal suo discepolo B-ANUR di Tebe (che la custodia del G O E sottrae ai grammatici volgari e agli astronomi ignoranti di astronomantia) crede di compiere opera buona ricavandone pei volgari queste annotazioni, che contengono molte notizie inaudite da fare allibire gli uomini di scienza comune. I quali, non sapendo come ponderare gli astri e con quali pesi e di quale stadera, sogliono dire che la Luna e gli astri vari del Firmamento… non hanno possanza sulle cose del mondo umano e del terrestre in generale; giustificando la loro tesi che prove scientifiche non si sono trovate di questi pretesi influssi e che l’astrologia giudiziaria già ha fatto provare i suoi insuccessi dalla ragione critica dei più acuti. Ma codesti superuomini confondono le nozioni superstiziose della discreditata astrologia, manipolata dai volgari per boria di saccenteria, con la scienza arcana dei collegi pontificali delle epoche in cui lo spirito dell’Ermes scendeva nei sinedri nascosti dalle ombre delle sfingi a conversare coi mortali delle occulte relazioni di tutti gli atomi dell’Universo che formano l’armonia delle concordanze precluse ai non favoriti dal dio…Essi ignoreranno sempre che stelle, pianeti, comete, satelliti e soli con strumenti semplici e naturalmente perfezionati si veggono, in certe notti oscure ai più potenti cannocchiali astronomici, tal quale si legge sui quadranti dei nostri orologi, nei minimi particolari. Gli strumenti semplici dell’astronomantia ermetica noi che facciamo questi studi per avvicinarci all’Ermete, li teniamo gelosamente nascosti, perché sono talmente delicati che il più lieve contatto di profana mano li altera e non possiamo esporli alla ruvidezza critica dei professori esperimentali, che, per assicurarsi del fatto loro, non hanno gentilezza di tatto e spesso sentono di tabacco o di acido fenico più che di essenza di rosa o di violette mammole, cose tutte avverse alla natura particolare di questi gingilli che pochissimi conoscono perché da noi si tengono ben custoditi dall’aria sempre, e solo qualche volta, durante il solleone, si mettono liberi in riva al mare, perché l’aria è calda e le brezzoline del mare non possono far male coi loro sali evaporati tiepidi dalle acque. Con tali apparecchi, gli astri (che di loro natura sono oscuri, e mandano luce per impedire agli occhi volgari di veder dentro) si pesano, si valutano, si specchiano e si svelano dalle nebbie naturali, e in luoghi difesi da ogni volgare indiscrezione, (Ermetis sigillo) l’astronomantico riuscirebbe a parlare cogli uccelli che cinguettano in varie lingue nei giardini biondi come messi della Luna o nelle foreste anguicrinite e nere del pianeta di Marte. Con tale scienza Izar scrisse, B-Anur commentò, e io, postumo loro interprete, offro ai pochi amici di Ermete queste annotazioni pei volgari. In esse vi troveranno bene e grazia tutti coloro che vorranno provare le virtù delle cose annotate – e se qualcuno vi legge bene, vi troverà dentro molti topazi e diamanti, che i volgari lasceranno passare come pietre pomici. Queste annotazioni, che io scrivo per lunazioni, non si riproducono che per cicli lunari di 28, 17 e 11 anni, secondo i codici tebani… possono giovare a tutti, in tutti i casi, in tutti i bisogni della vita. Devono essere dati i consigli ivi contenuti per carità, senza farne mercato, perché Izar li ottenne da Ermete per fare il bene dei poveri. Gli avari che ne facciano commercio perderanno nei beni, nei possedimenti, nella pace cinque volte tanto quanto il prezzo del loro delitto. Non avranno effetti questi dettami astromantici sugli uomini che sono vili innanzi alla sofferenza e crudeli per la fama, il diritto e le necessità altrui. Aggraveranno i mali e i dolori di colui che ha voluto nuocere ai prediletti di Ermete. (L,1°) – (Dall’analogia tra micro e macrocosmo) nella tradizione egizia trassero origine l’astrologia e le influenze astrali nelle ipotesi del Tolöm, il collegio sacerdotale che osservava le influenze degli astri. (SM,II,304-305)
 
 
Fasi Lunari 2021:














L'equinozio di primavera dell'anno 2021 cade il 20 del mese di Marzo alle 9h37m di T.U.

Il solstizio d'estate dell'anno 2021 cade il 21 del mese di Giugno alle 3h31m di T.U.

L'equinozio d'autunno dell'anno 2021 cade il 22 del mese di Settembre alle 19h20m di T.U.

Il solstizio d'inverno dell'anno 2021 cade il 21 del mese di Dicembre alle 15h58m di T.U.