domenica 7 aprile 2019

Attacco a Mauro Biglino


Dieci anni di attacchi e non ha mai mollato. 

Biglino propone una disamina dell'Antico Testamento – nella fattispecie la Biblia Hebraica Stuttgartensia – utilizzando un approccio alla traduzione del testo che egli asserisce essere il più letterale possibile ed esortando, in alcuni casi, a mantenere i termini originari, non traducendoli affatto.


In particolare, pone in risalto quelli che reputa riferimenti alle conoscenze tecnologiche di coloro i quali, gli "Elohim", avrebbero "creato" l'uomo a propria immagine e somiglianza. Biglino presenta l'ipotesi secondo cui, nel Vecchio Testamento, lo stesso termine "Elohim" non indicherebbe una singola entità, ma un gruppo di esseri evoluti che avrebbero accelerato l'evoluzione del genere umano avvalendosi di tecniche avanzate di ingegneria genetica, i quali si sposterebbero e utilizzerebbero velivoli (identificati come velivoli alieni) – o comunque a dispositivi dotati di tecnologie ignote e incompatibili con le conoscenze dell'epoca.
La cui presenza di esseri viventi giunti da altri pianeti o appartenenti a civiltà avanzate non riconosciute dalla storiografia ufficiale.


Nessun commento:

Posta un commento