martedì 28 marzo 2023

Minà, la storica intervista a Fidel Castro a Cuba e il ricordo del Che


In questa lunga, storica intervista rilasciata a Gianni Minà, Fidel Castro racconta la vicenda di Che Guevara, aprendosi anche sui dettagli intimi della vita del suo amico argentino e sul loro rapporto: “Voglio dirti una cosa: ho fatto fatica ad accettare l’idea della morte del Che. Molte volte l’ho sognato e a volte ho raccontato i miei sogni a chi mi stava vicino … Bene, ho sognato che stavo parlando con lui, che era vivo; qualcosa di molto speciale. E’ difficile ancora adesso accettare l’idea della sua morte. A cosa è dovuto? Secondo me, al fatto che egli è ancora presente in noi”.

 

 

giovedì 23 marzo 2023

Nel 2000 Non Sorge il Sole - 1984

 

Nel 1984 il mondo è diviso in tre grandi blocchi: Oceania, Eurasia ed Estasia, perennemente in guerra tra loro.

Londra è la capitale di Oceania e il potere è detenuto dal regime dittatoriale del Grande Fratello, leader del partito unico. La vita di tutti i cittadini è controllata per mezzo di teleschermi che recano delle telecamere.

Winston Smith e Julia, nonostante siano integrati nel sistema, nutrono qualche dubbio rispetto al mondo in cui vivono e si trovano coinvolti in una relazione d'amore, sentimento proibito dal regime.

Traditi da O'Connor, loro superiore, i due vengono sottoposti al lavaggio del cervello mediante tortura, in modo che si liberino da qualsiasi idea personale e giurino cieca fedeltà al Partito.

Finali alternativi.

Nella versione per il mercato americano Smith e Julia vengono convertiti, come nel romanzo originale. In quella per il mercato europeo, il protagonista grida in strada la propria avversione per il Grande Fratello e viene immediatamente ucciso dalla psicopolizia, seguito da Julia. 

 fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Nel_2000_non_sorge_il_sole

domenica 12 marzo 2023

Kremmerz - La Magia non rifiuta


LA MAGIA NON RIFIUTA

Tutti hanno una matta voglia di diventare maghi: scienziati, filosofi, ricercatori indipendenti, dottori pratici di ipnotismo, magnetizzatori, ciarlatani, giornalisti, preti e mistici, tutti hanno la loro famosa idea della magia e dell’arcano magico.
Chi posa a superuomo arrivato al settimo cielo, chi a critico incredulo, chi a mistico, chi a pontefice che scomunica. Ma dal 1899 in cui cominciai a scrivere della Scienza dei Magi, un progresso enorme si è compiuto: la scienza umana, la osservativa e sperimentale, attraverso tanti studi e memorie d’indole diversa, è arrivata a capire e a confessare che qualche cosa ci sta nell’uomo vivente, che a prima vista non appare: una riserva di forze ignorate che in certi momenti non precisabili possono dare fenomeni inaspettati ed effettivi.

Se l’uomo non fosse la bestia più intelligente e dotta della zoologia, si contenterebbe di mettere a profitto quello che ha trovato e provato, per allargare la conoscenza pratica di queste realizzazioni di poteri occulti che sono in noi.
Poteri che stanno in noi, non in noi che abbiamo imparato a leggere e in noi che abbiamo studiato nelle scuole statali un sacco di belle cose scientifiche (ora si insegna officialmente anche la Psicologia Sperimentale) ma in noi uomini, vale a dire in me, in voi, nel vostro portinaio, nel proto e nei compositori di queste righe, nell’umile connetta che lava le stoviglie in cucina, nella principessa che passa in carrozza, nel socialista che giura pel materialismo economico, nel generale che vorrebbe la dittatura sulla digestione politica e via di seguito. Viceversa, l’uomo intelligente e dotto, fabbrica sul poco di pratica degli altri, castelli di teorie che imbrogliano peggio tutte le semplici osservazioni delle persone semplici che tentano di esperimentare senza spiegarsi pel momento nulla – così non più il fenomeno delle forze occulte in noi si ricerca secondo natura, ma attraverso questo cumulo di teorie sballate, e si finisce in quella torre babelica che fu la confusione delle lingue ai tempi della storia sacra.


Per dirne una: molti di quelli che si occupano in Italia e in Francia di questa roba, i mistici e i teosofi in maggior quantità, oltre a screditare questa nostra Magia antica, vedono dovunque la Magia nera. Questo appellativo di NERA, mette i brividi. Deve commettere molte tonnellate di guai questa cosa tanto nera! La moda onesta è la spiritualizzazione, l’uomo deve evolvere in alto, non in basso; deve allontanarsi dalla materia, non involversi nella pesante e più bassa fanghiglia della terra; tutto ciò che è fine, scopo, preciso risultato che un mago si propone per beneficio suo o di altri, è un errore condannabile; ecco perché la Magia è da scartarsi, e la “nera” specialmente deve essere maledetta…
Bisogna rispondere così: la Magia è filosofia pratica e naturale. Non è mago colui che non crea, non benefica, non guarisce, non prende, non dona, non consola, non prevede, non provvede, non ama, non benedice, non solleva, non difende, non abbatte, non arresta, non deprime.

Le forze occulte residenti in noi, integrate in poteri essenzialmente della nostra natura animale, sono come i muscoli del nostro corpo, che diventano atrofici se l’esercizio non li sviluppa e li rende elastici ed effettivi.
La volontà direttrice di queste forze è un riflesso dì quella scintilla divina che è il nostro intelletto. Nell’equilibrio di spirito e materia, maritati in temperamento dolce, la volontà non è mai tentata dalla prevaricazione: la giustizia nel desiderio determina la potenza realizzatrice della volontà, il fiat.
L’uomo deve con tutte le sue forze tendere all’integrazione dei poteri e virtù della sua personalità latente, dormiente, dimentica, innanzi alla nuova personalità che la società in cui vive gli ha imposto. Né mistico per eccesso di spirito, né bestia per preponderanza della parte più grave dei suoi elementi. Così lentamente evolvente entra nel campo del mag: uno stato dell’essere che chi non prova non può intendere.

Trovo in un libro francese – il libro francese è il volgarizzatore – di persona molto stimata, che per autoipnotizzazione i maghi ottengono tutto – così in un opuscolo americano che è emanazione di un’impresa per fare i maghi in ogni parte del mondo, a dieci dollari per mese. È tanto facile dire come gli altri fanno la magia senza farla! Così le opinioni dei mistici, degli spiritisti, dei filosofi e dei teosofi.

Se riesci a fare quel che vuoi tu, in una zona di giustizia umana ove la tua coscienza resta pura, non trattenerti a realizzare il bene per te e per gli altri: guarendo, donando, rendendo felice anche per un istante chi ricorre a te per la più volgare delle cose, e non prendere sul serio i moniti delle persone che trovano degno dei superuomini il rifiuto a chi domanda aiuto.

G. Kremmerz  
 
 

martedì 7 marzo 2023

Never Let Me Down Again - Depeche Mode (testo e traduzione)

 

I'm taking a ride with my best friend

Sto percorrendo una strada col mio migliore amico
I hope he never lets me down again
Spero che non mi deluderà di nuovo
He knows where he's taking me
Lui sa dove mi sta portando
Taking me where I want to be
Mi sta portando dove voglio stare
I'm taking a ride with my best friend
Sto percorrendo una strada col mio migliore amico
We're flying high
Stiamo volando alto
We're watching the world pass us by
Stiamo guardando il mondo passarci difianco
Never want to come down
Non voglio più tornare giù
Never want to put my feet back down on the ground
Non voglio più rimettere i piedi giù per terra
I'm taking a ride with my best friend
Sto percorrendo una strada col mio migliore amico
I hope he never lets me down again
Spero che non mi deluderà di nuovo
Promises me I'm as safe as houses
Mi promette che sono in una botte di ferro
As long as I remember who's wearing the trousers
Basta che mi ricordi chi è che porta i pantaloni
I hope he never lets me down again
Spero che non mi deluderà di nuovo
We're flying high
Stiamo volando alto
We're watching the world pass us by
Stiamo guardando il mondo passarci difianco
Never want to come down
Non voglio più tornare giù
Never want to put my feet back down on the ground
Non voglio più rimettere i piedi giù per terra
We're flying high
Stiamo volando alto
We're watching the world pass us by
Stiamo guardando il mondo passarci difianco
Never want to come down
Non voglio più tornare giù
Never want to put my feet back down on the ground
Non voglio più rimettere i piedi giù per terra
Never let me down
Non deludermi mai
Never let me down
Non deludermi mai
Never let me down
Non deludermi mai
Never let me down
Non deludermi mai
Never let me down (See the stars, they're shining bright)
Non tradirmi mai (guarda le stelle, stanno brillando chiaro)
Never let me down (Everything's alright tonight)
Non deludermi mai (è tutto a posto stanotte)
Never let me down (See the stars, they're shining bright)
Non tradirmi mai (guarda le stelle, stanno brillando chiaro)
Never let me down (Everything's alright tonight)
Non deludermi mai (è tutto a posto stanotte)
Never let me down (See the stars, they're shining bright)
Non tradirmi mai (guarda le stelle, stanno brillando chiaro)
Never let me down (Everything's alright tonight)
Non deludermi mai (è tutto a posto stanotte)
Never let me down (See the stars, they're shining bright)
Non tradirmi mai (guarda le stelle, stanno brillando chiaro)
Never let me down (Everything's alright tonight)
Non deludermi mai (è tutto a posto stanotte)
 
Ecco la cover di  Jessica Mazin inserita nella serie tv The Last of Us
 

domenica 5 marzo 2023

Lettera della preside a Firenze, il testo integrale.

 

Cari studenti, in merito a quanto accaduto lo scorso sabato davanti al Liceo Michelangiolo di Firenze, al dibattito, alle reazioni e alle omesse reazioni, ritengo che ognuno di voi abbia già una sua opinione, riflettuta e immaginata da sé, considerato che l’episodio coinvolge vostri coetanei e si è svolto davanti a una scuola superiore, come lo è la vostra. Non vi tedio dunque, ma mi preme ricordarvi solo due cose.

Il fascismo in Italia non è nato con le grandi adunate da migliaia di persone. È nato ai bordi di un marciapiede qualunque, con la vittima di un pestaggio per motivi politici che è stata lasciata a sé stessa da passanti indifferenti. ‘Odio gli indifferenti’ - diceva un grande italiano, Antonio Gramsci, che i fascisti chiusero in un carcere fino alla morte, impauriti come conigli dalla forza delle sue idee.

Inoltre, siate consapevoli che è in momenti come questi che, nella storia, i totalitarismi hanno preso piede e fondato le loro fortune, rovinando quelle di intere generazioni. Nei periodi di incertezza, di sfiducia collettiva nelle istituzioni, di sguardo ripiegato dentro al proprio recinto, abbiamo tutti bisogno di avere fiducia nel futuro e di aprirci al mondo, condannando sempre la violenza e la prepotenza. Chi decanta il valore delle frontiere, chi onora il sangue degli avi in contrapposizione ai diversi, continuando ad alzare muri, va lasciato solo, chiamato con il suo nome, combattuto con le idee e con la cultura. Senza illudersi che questo disgustoso rigurgito passi da sé. Lo pensavano anche tanti italiani per bene cento anni fa ma non è andata così”.

 


"Giuliano Kremmerz" - L'Uomo

Versione scaricabile in pdf : https://mega.nz/file/TVgwBahL#CdiqZgLBO572BEAZbnw4d6kGHPtwlQZm59rJHI6bxI0