venerdì 7 agosto 2015

Siete veramente liberi ?



Chi di voi sa veramente di essere libero?

Noi siamo solo soldatini di fango in una guerra in miniatura.


Io sono me stesso"

Questa frase presuppone che io non sia “ciò che gli altri vogliono che io sia”, né “quello che io vorrei essere”, per poter ricevere la giusta approvazione dal mondo esterno, ma semplicemente ciò che sono davvero, nel profondo di me, al di là dei condizionamenti ricevuti, delle ferite che mi “porto addosso”, delle esperienze che mi hanno segnato, dei paraventi che mi sono creato per proteggermi nella vita dentro e fuori.

Essere se stessi significa….spogliarsi di ciò che non ci appartiene, che abbiamo creduto o ci hanno fatto credere nostro, che non ci risuona dentro, che non ci identifica in uno specifico ruolo sociale, affettivo, economico o professionale, ma ci identifica a livello interiore, che appartiene al mistero della conoscenza della natura umana.


Io sono libero se penso con la mia testa, se riesco a vedere anche con gli occhi degli altri, non solo con i miei.
Io sono libero se amo e vivo senza dimenticare, perché il passato è ciò che mi ha fatto diventare quello che sono ora.
Io sono libero se agisco perché voglio agire e non perché "devo" agire. Sono libero se mi sento libero non solo nei sogni, ma anche nella realtà; sono libero se i sentimenti che provo sono puri, qualsiasi siano le circostanze che trovo.
Io sono libero quando i miei pensieri non li condiziona nessuno, sono libero se ho la forza di ammettere a me stesso la verità, di cercare quella verità, soprattutto quando mi convinco di voler vivere una vita che in realtà non è quella che desidero.
Io sono libero quando lascio liberi anche gli altri, non li trascino nel mio Essere, ma lascio loro la libertà di scegliere. Io sono libero se ho il coraggio di accettare me stesso per quello che sono, senza entrare in continua competizione con gli altri; sono libero quando non impedisco a chi amo di agire come crede, non lo convinco delle mie opinioni, ma ascolto le sue!
Io sono libero quando sbaglio, quando ho delle responsabilità, quando sono da solo e con gli altri, davanti ad un muro di mattoni o a una distesa d'acqua, con la pioggia o con il sole, sull'asfalto e sull'erba... Sono libero quando capisco che essere liberi non è un dovere, ma uno stato d'animo che va rispettato.
Però siamo esseri umani e spesso tutta questa libertà ci spaventa, perciò decidiamo sempre di essere "costretti" da qualcosa o da qualcuno, perché la vita non ci piace... se non è complicata! 

By Valeria D'Amato

Nessun commento:

Posta un commento