mercoledì 29 ottobre 2014

La Religione è un Virus


Il biologo evoluzionista Richard Dawkins spiega perché Dio è un'illusione, la religione è un virus !!!

Questa è anche detta la “teoria M”, tra le ipotesi più spinte della fisica teorica, la “teoria del meme culturale” di Richard Dawkins, il tempo quale elemento circolare con riferimento alla filosofia di Nietzsche.
La metafisica e la biologia evolutiva diventano le chiavi di lettura del mondo in cui viviamo, e tutte le sovrastrutture sociali vengono lentamente distrutte, puntata dopo puntata: la vita, la morte, la religione, l’amore, la stessa esistenza dell’uomo, che si scopre essere senza uno scopo, se non quello di affannarsi a trovarne uno.

“Ognuno è così sicuro del proprio essere reale, e che la propria esperienza sensoriale abbia costituito un individuo unico dotato di scopo, di significato. Sono così sicuri di essere qualcosa di più di di una marionetta biologica. Beh, poi esce la verità e tutti si rendono conto che una volta tagliati i fili tutti cadono. Ogni corpo immobile così certo di essere qualcosa in più della semplice somma dei propri bisogni, tutte quelle giravolte inutili, le menti stanche... Uno scontro tra desiderio e ignoranza. Nel momento della morte capisci che tu, proprio tu, tutto questo grande dramma non è mai stato altro che un coacervo raffazzonato di presunzione e stupida volontà. E puoi semplicemente lasciarti andare, finalmente, adesso che non devi più aggrapparti così forte per renderti conto che tutta la tua vita, tutto il tuo amore, il tuo odio, i tuoi ricordi, il tuo dolore era tutto la stessa cosa. Era tutto lo stesso sogno, un sogno che hai avuto dentro una stanza chiusa. Un sogno sull'essere una persona.”

“Per quanto illusorie siano le nostre identità, modelliamo queste identità formulando giudizi di valore. Tutti giudicano, continuamente. Ora, se hai un problema con questa cosa, stai sbagliando il modo in cui vivi.”

Siamo davvero esseri senza scopo e significato?
“Questo è un mondo in cui niente viene risolto. Qualcuno una volta mi disse «Il mondo è un cerchio piatto». Tutto quello che abbiamo fatto o faremo, lo rifaremo ancora e ancora e ancora e ancora. Mai sentito parlare della teoria M?”

No, potresti spiegarla?
“In quest'universo abbiamo un concetto lineare che procede in avanti. Ma fuori dal nostro spazio-tempo, da quella che sarebbe una prospettiva quadri-dimensionale, il tempo non esisterebbe. E da quel punto di vista, sempre che riuscissimo a raggiungerlo, vedremmo che il nostro spazio-tempo sarebbe appiattito, come fosse un'unica scultura in sovrapposizione con ogni luogo che abbia mai occupato. Il nostro essere senzienti che si muove in circolo nelle nostre vite, come le automobili su una pista da corsa. Tutto ciò che è fuori dalla nostra dimensione, è eternità. E' l'eternità che ci scruta dall'alto. Ora, a noi sembra una sfera, ma per loro, è un cerchio. Nell'eternità, priva di tempo, nulla può crescere, nulla può divenire. Perciò la Morte ha creato il tempo, affinché facesse crescere tutto ciò che poi lei avrebbe ucciso. Ed ecco che tutte le creature rinascono, ma solo per rivivere la stessa vita, che si è vissuta in precedenza. Siamo in trappola. Confinati in quell'incubo nel quale continuiamo a destarci.”

E cosa pensi della religione? Nel senso, nella dimensione che hai descritto non sembra esserci posto per un Dio, ci sono solo eternità e Morte. Le religioni hanno torto nel credere ad un'intelligenza superiore?
“Oh si. È così fin da quando una scimmia ha guardato il sole e ha detto all'altra scimmia «Lui ha detto che tu mi devi dare la tua cazzo di roba». Alcuni antropologi linguistici pensano che la religione sia un virus del linguaggio che riscrive percorsi nel cervello e offusca il pensiero razionale."

Però la religione sembra far stare meglio molte persone e soprattutto rappresentano un valido insegnamento etico.
“Quando uno si comporta bene solamente perché spera in una ricompensa divina, siamo di fronte ad un pezzo di merda fatto e finito. E questa qui sarebbe vita? Persone che si radunano e si raccontano panzane in aperto contrasto con tutte le leggi dell'Universo solo per finire una cazzo di giornata in santa pace? Le persone sono così deboli che preferirebbero mettere una moneta in un portafortuna piuttosto che comprarsi la cena.”

E i predicatori sfruttano questa debolezza.
“Lui assorbe la loro paura con la sua oratoria, per questo motivo è efficace in proporzione al numero di certezze che riesce a proiettare. La fallacia ontologica dell'aspettarsi una luce in fondo al tunnel, ecco la merce dei predicatori. La stessa di uno strizzacervelli. Vedi, il predicatori incoraggia la capacità di illudersi e poi ci dice che è una cazzo di virtù. C'è sempre da guadagnarci a fare così, e ti dà un tale senso di importanza... non è vero?

Allora perché si persiste nel credere in Dio?
Da un punto di vista biologico, esistono parecchie teorie differenti sul perché abbiamo questa straordinaria predisposizione a credere in cose soprannaturali. Un suggerimento è quello che la mente infantile, per un’ottima ragione darwiniana, è sensibile all’infezione nello stesso modo in cui lo è un computer. Per potere essere utile, un computer deve essere programmabile, eseguire qualunque cosa gli si dica di fare. Questo lo rende automaticamente vulnerabile ai virus per computer, i quali sono programmi che dicono "diffondimi, copiami, trasmettimi ad altri". Una volta che un programma virale sia partito, non c’è niente che possa fermarlo.

In modo paragonabile, la mente infantile è predisposta dalla selezione naturale per obbedire e credere a ciò che i genitori e altri adulti le dicono. In generale, è un bene che le menti infantili siano sensibili a essere istruite su cosa fare e cosa credere dagli adulti. Ma ciò comporta necessariamente il rovescio della medaglia, cioè che idee cattive, idee inutili e perdite di tempo, come la danza della pioggia o altre usanze religiose, saranno anche trasmesse di generazione in generazione. La mente infantile è molto sensibile a tale tipo d’infezione. Inoltre quest’ultima si diffonde trasversalmente per infezione incrociata,  quando un predicatore carismatico se ne va in giro a infettare nuove menti, non infettate in precedenza.

Lei ha detto che allevare i bambini in una tradizione religiosa potrebbe persino costituire  una forma di abuso.

Ciò che penso possa essere un abuso è contrassegnare i bambini con etichette religiose, come bambino cattolico o bambino mussulmano. Trovo molto bizzarro che nella nostra civiltà si sia del tutto lieti di parlare di un bambino cattolico di 4 anni o di un bambino musulmano di 4 anni, quando questi bambini sono di gran lunga troppo giovani per sapere cosa pensano del cosmo, della vita e della morale. Non ci sogneremmo mai di parlare di un bambino keynesiano o marxista. Eppure, per qualche ragione, si fa un’eccezione privilegiata per la religione. E, a proposito, penso che sarebbe ugualmente un abuso parlare di un bambino ateo.

Nessun commento:

Posta un commento