domenica 19 giugno 2016

Lucifero = Portatore di luce

from The Hidden Hand

Il Creatore, colui che viene chiamato 'Yahweh', non è  'Dio'  nel  senso  inteso  dalla Bibbia,  che  si  riferisce  a  lui  come  "l'unico  vero  Dio".  Egli è un Creatore  (o  sub-sub-Logos), e non Il Creatore. Non è neanche un Logos di livello galattico, ma piuttosto è il Logos di questo unico pianeta. 
Il nostro Creatore è colui il quale viene definito 'Lucifero', 'Portatore di luce' e 'Brillante Stella del mattino.'

Il nostro Creatore non è "il diavolo" come fu falsamente raffigurato nella vostra Bibbia.
Lucifero è ciò che si potrebbe definire un 'gruppo di anime' o un 'complesso di memoria collettiva', che si è evoluto a livello della sesta densità, il che in effetti significa che lui (o più precisamente 'noi')  si  è  evoluto  ad  un  livello sufficiente  da  raggiungere  uno  status uguale  o  forse  'maggiore'  rispetto  a  quello  di  Yahweh. 
In apparenza, se si dovesse contemplare una più  piena  espressione  del  nostro  essere  Lucifero,  l'aspetto  sarebbe quello di un sole o una  "Stella Splendente". Oppure, nella terza densità di vibrazioni, ci apparirebbe come quello che potremmo definire un 'angelo' o 'essere di luce.'

Permettetemi di chiarire: Quando una entità (gruppo di anime) si evolve fino al nostro livello di densità, giungere alla ottava e finale densità  -  riunendosi  allo  Infinito  Creatore  e tornando  a  dissolversi
nella Sorgente di infinita Intelligenza del Tutto - diventa un passo semplice rispetto alla quantità di tempo trascorsa per giungere fino alla sesta densità. 

Noi  (le  nostre  linee  di  sangue),  in  quanto  gruppo  animico  o  complesso  di  memoria collettiva (Lucifero), siamo stati sul punto di ascendere alla settima densità, sebbene una volta  giunti  a  questo  livello,  prima  che  avvenisse il  raccolto  ci  è  stata  concessa  la possibilità  di  scegliere  se  continuare  nella  nostra  evoluzione  oppure  tornare  ad   aiutare gli esseri di densità inferiori nella loro evoluzione, tramandando la nostra conoscenza e saggezza  (Luce),  a  coloro  i  quali  richiedano  la  nostra  assistenza  di  loro  spontanea volontà. 

Attualmente, avendo deciso di rimanere per aiutare i nostri fratelli galattici nella Legge dell'Uno,  ci  è  stato  assegnato  un  compito  impegnativo  da  parte  del  Consiglio  degli Anziani, i quali agiscono come Guardiani della Galassia dal loro 'quartier generale' nella ottava densità, sul pianeta Saturno.
Yahweh, a causa del fatto che non aveva tramandato la  propria volontà del "conosci te stesso",  agli  incarnati  sul  'suo'  pianeta (come  suo  diritto,  in  quanto  Logos  planetario), stava  ottenendo  pochi  progressi  dal  punto  di  vista evolutivo.  Così siamo  stati  inviati  a prestare il nostro aiuto.

Una volta che l'ordine fu impartito dal Consiglio degli Anziani, noi 'cademmo', o discendemmo nuovamente nei luoghi in cui - con impegno e attenzione - avremmo potuto materializzarci nella terza densità di noi stessi. 

Yahweh non solo aveva accettato la nostra venuta, ma in realtà fu egli stesso a chiedere inizialmente al Consiglio un 'catalizzatore' di cambiamento. In assenza del libero arbitrio non  può  esistere  polarità,  e  quindi  nessuna  possibilità  di  scelta.  Proprio come  fu raffigurato  nel  libro  della  Genesi,  originariamente  il  pianeta  era  di  natura  'edenica.'
Certo, si trattava di un bel 'paradiso', tuttavia tra gli esseri che vi si incarnavano non vi era  alcun  catalizzatore  di  evoluzione  oltre  la  terza  densità,  e  quindi  poca  speranza  di poter   mai   fare   ritorno   'a   casa.' Yahweh era   felice di   allevare   il   proprio “animale domestico” nel piccolo Eden che aveva progettato, ma le scarse possibilità di evoluzione delle  anime  incarnate  ne  avevano  fatto  in  effetti  una  - seppur  molto  bella  -  'prigione'.
Yahweh esercitava, nel gergo moderno, una cosiddetta 'dittatura benigna.'  In assenza di  polarità  (derivante  dal  libero  arbitrio)  esiste  solo  Unità  d'Amore  e  Luce, senza possibilità di scegliere una esperienza 'diversa'. Fu così che fummo chiamati a fare da catalizzatore del cambiamento,  al  fine  di  fornire  tale  possibilità  di  scelta  che conducesse  alla  polarità. Yahweh  convenne che  avremmo  dovuto  introdurre  il  concetto di libero arbitrio per gli abitanti della Terra, offrendo loro una possibilità di scelta su ciò che essi 'volevano' o meno. Ecco quindi lo 'albero della conoscenza del bene e del male' (o - più precisamente - la conoscenza della polarità, positiva o negativa).

Yahweh radunò così le sue creature in un 'giardino' e le rese libere di fare qualsiasi cosa aggradasse loro, eccetto  una  cosa,  che  proibì  categoricamente,  creando  così  il  desiderio  di  fare  quella unica  cosa  proibita.  Ecco  quindi  la  'scelta.'  Noi  fornimmo  il  catalizzatore  descrivendo  i benefici della conoscenza; essi si nutrirono dall'albero, ed il resto è storia.
Yahweh era convinto che i suoi 'bambini' avrebbero scelto ancora una volta di obbedire alla  sua  parola,  e  quando  realizzò  che  invece  i  suo i  precetti  erano  stati  disattesi,  si arrabbiò.  Come  egli  stesso  descrive  nelle  sue   Scritture,  è  un  "Dio  geloso",  e  detestò  il fatto che i suoi 'bambini' avessero scelto di disobbedirgli, seguendo i nostri consigli.

Noi ci impegnammo a restare qui per una serie predefinita di 'cicli' nei quali potessimo agire da catalizzatori per la evoluzione umana, vale a dire per offrire la opzione negativa, o  ciò  che  viene  definito  "il  male".  Una  volta  instaurato  il  libero  arbitrio, Yahweh non potè più tornare indietro, e da allora ci confinò (come gruppo animico), nei piani astrali della Terra (i quali sono molto costrittivi e scomodi per un essere della nostra saggezza ed  esperienza).  Il Consiglio degli  Anziani  ci  fornì  la  possibilità  di  essere  rilasciati (contro la  volontà  di Yahweh),  ma  al  momento  di  scegliere  tra  la  cancellazione  del nostro  mandato  a  servire  il  pianeta  Terra,  o  di  restare  per  adempiere  il  nostro  incarico sopportando Yahweh,   auto-proclamatosi   "Wrath",   scegliemmo   di   rimanere.  
Come risultato karmico della reclusione imposta da Yahweh sul nostro Gruppo di Anime, ci fu assegnato il compito di 'governare' più individui di Yahweh stesso nel corso delle nostre incarnazioni fisiche sul vostro pianeta.

Cerchiamo di essere chiari  su  un  punto,  però.  Tutto questo (le vite fisiche e le incarnazioni), non è che un  complesso e sapiente gioco in cui L'Uno, Infinito Creatore, gioca  la  partita  del  dimenticare  chi  sia,  in  modo  tale  che  possa  imparare  a  ricordare,  e così facendo accumuli esperienza finalizzata alla conoscenza di sè in quanto Creatore. Il che -  come già detto -  ha condotto  fino  a  tutti  noi,  piccole  scintille  individualizzate  di Tutto Ciò Che È. Ma al di fuori di questo grande gioco, tra le 'vite' incarnate come 'esseri umani', tutti noi / voi (come anime), siamo grandi amici. Fratelli e Sorelle nell'Uno. 


Nessun commento:

Posta un commento