domenica 29 marzo 2015

Il significato della Domenica delle Palme




huc properate viri: salebrosum scandite montem pulchra laboris erunt premia palma quies

(O uomini, affrettatevi a venire quassù, salite l’aspro monte, bel premio alla fatica sarà la palma che dà la serenità)

La palma, s' intende quella da dattero, è sempre stata universalmente considerata simbolo di vittoria, di ascensione, rigenerazione e immortalità. 
Nei Salmi dell'Antico Testamento si legge che: "Il giusto fiorisce come la palma", albero che non produce niente di inutile poiché si usa ogni suo elemento, ed è come l' uomo pio che può aiutare facendo del bene ad imitazione di quello che per Dio è consuetudine. 
I greci chiamavano la palma phoenix, come il mitico uccello Fenice, associandola ad Apollo, il dio solare per eccellenza, e Atena-Minerva, la dea della saggezza, era anche raffigurata con in mano un rametto di palma. Hathor, la dea egiziana del cielo, era considerata la "signora della palma da dattero", per i romani era emblema della vittoria per eccellenza e la dea della vittoria era detta Palmaris. 
La palma è il simbolo che si ritrova spesso nelle catacombe cristiane, incisa sui marmi o negli affreschi, in mano a santi e martiri per indicare la loro vittoria spirituale morendo per la fede. Secondo Jung, la palma è simbolo dell'anima
nell'iconografia popolare (i santini) la palma è simbolo di martirio, solitamente il martire regge la palma e il simbolo del suo martirio.
La palma è anche un simbolo massonico e rappresenta la giustizia.

(Più in alto, su un altipiano fiorito, li attende la Quiete tra i filosofi Socrate, pronto a ricevere la palma dalla vittoria, e il cinico Cratete, che dispregia la ricchezza rovesciando in mare un cesto pieno di gioielli. Il filosofo può infatti passare una vita sana e frugale rinunciando ai beni terreni. Tutt'attorno il mare si presenta tempestoso. Il messaggio dell'allegoria, di per sé già chiaro (la virtù si può raggiungere ma con fatica) è chiarito anche dal cartiglio sopra la Sapienza: huc properate viri: salebrosum scandite montem pulchra laboris erunt premia palma quies.)



Nessun commento:

Posta un commento